fbpx

Essere Intermediario

Formazione IVASS 60 ore: le cose che dovresti sapere sul test finale in aula

Quali sono le caratteristiche che il test di verifica delle conoscenze della Formazione Professionale IVASS 60 ore dovrebbe avere?

Quali sono le caratteristiche da controllare per iscrivere, senza alcun dubbio o incertezza, te o un  tuo collaboratore in sezione E del RUI- Registo Unico degli Intermediari Assicurativi?

Qui di seguito, tutte le cose che dovresti sapere sul test finale per la Formazione Professionale IVASS 60 ore.

Formazione IVASS 60 ore per l'iscrizione alla sezione E: le caratteristiche del test finale

 

ATTENZIONE: NUOVA MODALITA' PER IL TEST FINALE DI VERIFICA DELLE CONOSCENZE

FIAss, in seguito all'emergenza CODIV-19, ha inoltrato una richiesta di informazioni all'Istituto per comprendere come organizzare il corso di Formazione, in particolare la sezione dedicata ai test in aula, data l'emergenza.

L'IVASS ha risposto con questo comunicato stampa, annunciando che, per il momento, sarà possibile effettuare il test a distanza, con le modalità previste dagli art. 91-92-93 e 94-

FIAss ha deciso di rispondere all'esigenza, creando il:

"Tes Finale di Verifica delle conoscenze acquisite online, così come disposto dall'IVASS in deroga Reg. 40/2018 per l'emergenza CODIV-19"

Fino a nuovo ordine dell'IVASS, Il TEST sarà disponibile per tutti gli iscritti, completamente GRATUITO, con la possibilità di ripeterlo fino al suo superamento, fino a nuove disposizioni IVASS.

 

Il test di verifica, dal Regolamento IVASS, è chiamato "Modalità di accertamento delle competenze acquisite - test di verifica", ed è la parte conclusiva del corso di Formazione Professionale IVASS per l'iscrizione alla sezione E del RUI, al cui esito positivo, è rilasciato al partecipante un Attestato sottoscritto dal responsabile della struttura che ha effettuato la formazione.

Il Regolamento IVASS 40/2018 è ben chiaro sul test finale per la Formazione IVASS: il test deve essere svolto in aula.

Articolo 90, comma 5 del Regolamento IVASS:

"Il test di verifica dei corsi di formazione professionale di cui all’articolo 88 è effettuato esclusivamente in aula.
Nell’esecuzione del test non è consentito l’ausilio di alcun supporto cartaceo e/o elettronico, né l’utilizzo di telefoni cellulari."

 

Chi cura lo svolgimento del test di verifica?

L'art. 90 del Regolamento IVASS, afferma che:

Il test di verifica è svolto a cura del medesimo soggetto che ha effettuato i corsi di formazione o di aggiornamento, previo accertamento dell’esatta identità dei partecipanti.

Il comma 4 dello stesso articolo, descrive le caratteristiche che questo test deve avere.

"Il test di verifica è articolato in un questionario a scelta multipla e risposta singola. Il questionario:

  • è composto da domande che, per numero e complessità, rispondono a criteri di adeguatezza, pertinenza e proporzionalità ai contenuti e alla durata del corso di formazione o di aggiornamento;
  • è predisposto a cura del soggetto che effettua il corso, evitando duplicazioni e utilizzi ripetuti del medesimo insieme di domande;
  • può essere elaborato attraverso supporti tecnologici con estrazione casuale delle relative domande e risposte da un database sufficientemente ampio, creando sequenze differenti per ogni singolo partecipante."

L'IVASS, per specificare alcune possibili a interpretazione della norma, ha deciso di pubblicare delle FAQ (le domande più frequenti), in merito alla Formazione e all'Aggiornamento Professionale IVASS, pubblicate sul sito ufficiale. (Clicca qui per leggerle tutte)

 

La FAQ 7.4, recita così, in merito a chi deve curare lo svolgimento del test:

“Per garantire la coerenza dei test con i contenuti dei corsi, il Regolamento IVASS n. 6/2014 (Ndr. Leggasi regolamento 40/18) stabilisce, al comma 3 dell’art. 8 (Ndr. Leggasi art. 90) , che il test di verifica è svolto a cura del soggetto che effettua i corsi, ossia:

imprese e intermediari iscritti nelle sezioni A, B o D del RUI, se impartiscono direttamente la formazione alla rete di cui si avvalgono;

ente formatore di cui all’art. 14 (Ndr. Leggasi articolo 96), commi 1 e 2, del citato Regolamento  che abbia ricevuto l’incarico da un’impresa o da un intermediario principale iscritto nelle sezioni A, B o D del RUI, per le relative reti di collaboratori, o da un intermediario iscritto nelle sezioni A e B per il proprio aggiornamento.”

 

La FAQ 7.8 supporta l'idea appena presentata, con la domanda "Chi attesta il superamento del corso di formazione/aggiornamento?":

"L’attestato di superamento del corso da rilasciarsi al partecipante viene sottoscritto dal responsabile della struttura che, avendo effettuato la formazione o l’aggiornamento, ha somministrato il test e ne ha verificato l’esito. Pertanto, l’impresa o l’intermediario iscritto nelle sezioni A, B o D del RUI, che impartisce direttamente la formazione o l’aggiornamento, dovrà curare anche lo svolgimento del test e attestare il superamento del corso tramite un proprio responsabile. Diversamente, nel caso in cui per l’erogazione del corso l’impresa o l’intermediario si sia avvalso di un ente esterno, sarà il responsabile di quest’ultimo a fornire l’attestato."

 

E' possibile, quindi, date queste caratteristiche, che un test finale venga svolto direttamente dall'Intermediario principale (agente, broker, ecc.) del corsista, o tramite fantasiose formule a distanza?

Da ciò che emerge sia dalla normativa IVASS che dalle FAQ, è chiaro che se un intermediario da' incarico a un ente formatore di erogare la formazione a un proprio collaboratore, non può in nessun caso essere incaricato (lui o altre persone della sua struttura) di svolgere il test di verifica, ma questo deve essere effettuato obbligatoriamente da incaricati dell'ente di formazione.

Altra modalità fantasiosa, è l'erogazione del test finale da parte dell'ente di formazione con modalità a distanza di riconoscimento e supervisione effettuati tramite videoconferenza (skipe, hongout, ecc.). Benché non vi sia una norma dell'IVASS specifica su questa modalità, un insieme di indicazioni rende questa modalità non idonea ad effettuare un corretto riconoscimento del partecipante e una seria verifica che questo non svolga il test con l'ausilio di alcun supporto cartaceo e/o elettronico o suggerimenti da persone terze (art. 90, comma 5 ). Inoltre l'attivazione di una videoconferenza che utilizza la connessione web contrasta le norme dell'IVASS sull'uso di supporti informatici per l’erogazione dei test (FAQ IVASS 7.5).

 

Chi non ha superato il test finale di verifica deve ripetere il corso?

Secondo la FAQ 7.9 per gli Intermediari Assicurativi, in merito alla ripetizione di tutto il corso in caso di bocciatura.

"La ripetizione del corso è rimessa alla libera scelta degli interessati, ferma la necessità che il test venga infine superato in tempo utile per il regolare svolgimento dell’attività."

 

Quale documentazione devi ricevere alla conclusione del test finale di conoscenza?

Il test finale di conoscenza, per essere superato, devono essere corrette almeno il 60% delle risposte.

Secondo il Regolamento 40/2018, articolo 90, comma 7, la documentazione che deve essere fornita alla conclusione del corso deve essere strutturata così:

"I soggetti di cui all’articolo 87 (ndr. Imprese e intermediari iscritti nella sezione A, B e D) che effettuano la formazione o l’aggiornamento redigono, anche in formato digitale ai sensi dell’articolo 67, comma 4, la documentazione necessaria a dimostrare il corretto svolgimento dei corsi e dei test e in particolare:

a) il programma del corso;
b) i nominativi dei docenti, incluso il possesso dei requisiti di cui all’articolo 96;
c) il verbale delle procedure di esame con evidenza dei risultati del test;
d) il questionario somministrato."

 

La soluzione di FIAss: giorno e luogo lo decidi tu!

test finale ivass 

Date le caratteristiche appena elencate del test di verifica delle conoscenze, per gli Intermediari Assicurativi è diventato un aspetto poco "gradito", perchè principale fattore di crescita dei costi complessivi di formazione e di allungamento dei tempi di ottenimento dell'Attestato Formativo.

 

In virtù della norma IVASS appena spiegata, alle formule fantasiose, FIAss risponde con una rete di esaminatori, in grado di fornire il servizio test in tutta Italia: ben 60 sedi censite in tutta Italia e più di 70 esaminatori. Clicca qui per accedere alla mappa FIAss

 

L'utente che decide di fare il test con FIAss può scegliere il luogo a lui più comodo e la data e, nel giro di massimo quattro giorni lavorativi, la tua richiesta verrà confermata.

Clicca qui per acquistare il Corso Formazione 60 ore

 

Non è necessario attendere nessuna sessione, ma ce ne è una creata solo in base alle tue esigenze, e alla scelta di data e luogo.

 

Nella giornata dell'esame, avrai due tentativi test, più la correzione automatica.

Al superamento del test, nel giro di pochi giorni lavorativi, riceverai, nell'email indicata, l'Attestato di Formazione Professionale redatto secondo le caratteristiche dettate dal Reg. 40/2018 art. 9, idoneo all'iscrizione alla sezione E RUI.

Clicca qui per acquistare il Corso Formazione 60 ore

 

Qui le nostre tariffe

 

tariffetestfiass

 

Potrebbe interessarti

Come iscriversi alla sezione E del RUI IVASS

La Guida per gli Intermediari Assicurativi

News per gli Intermediari Assicurativi

 

 

IVASS-qualita-ISO9001-rina

  Certificazione di qualità
   Siamo certificati ISO9001-2015

Contatti

Piazza della Rinascita, 18, 65122 Pescara PE

085 9395140

info@fiass.it

Lunedì - venerdì: 09:00-13:00 15:00-18:00

Iscriviti alla Newsletter di FIAss

UniFAD s.r.l. - PI./CF.: 01967470681 – C.S. €20.000,00 i.v. www.unifad.it UniFAD - Privacy Policy

Login Shop FIAss

Registrati per Acquistare Ora!
Anche con il telefono o tablet.

Registrati
 x 

Carrello vuoto