fbpx

Indagine ANIA: impatto rischio Cyber settore assicurativo

L’ANIA- Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, ha condotto un’indagine sull’impatto del Cyber Risk nel settore assicurativo.

Noi di FIAss seguiamo questa tematica tramite i nostri docenti specializzati nel Cyber Risk, quale sarà la risposta all’indagine condotta dall’Istituto?

INDAGINE ANIA: L’IMPATTO DEL RISCHIO CYBER SULLE PRATICHE DI RISK MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE

Nel novembre 2020 ANIA ha condotto un’indagine con lo scopo di analizzare l’impatto del rischio Cyber sul settore assicurativo.

Le imprese di assicurazione, infatti, gestiscono una quantità enorme di dati di tipo sensibile e confidenziale.

Il processo di digitalizzazione rende le imprese di assicurazione il bersaglio principale di attacchi informatici.

Il tema sicurezza, quindi, è diventato uno dei temi più caldi e importanti di questo periodo (Ne abbiamo parlato anche noi con i nostri docenti, scopri il catalogo OPEN con i titoli Cyber Security).

L’obiettivo del questionario ANIA è valutare la consapevolezza del settore in merito a questo problema: purtroppo, come specifica lo stesso Istituto, hanno risposto al questionario, solo il 40% delle imprese (per un totale di 35 imprese di assicurazione), fornendo, quindi, una valutazione parziale:

  • la totalità delle imprese che hanno partecipato all’indagine ha risposto che il rischio Cyber è incluso nella gestione dei rischi operativi;
  • oltre il 90% di queste ne tiene conto come una categoria di rischio a sé stante;
  • poco più del 60% afferma di aver subito un attacco, o un tentativo di attacco, negli ultimi 5 anni, la maggior parte senza conseguenze.

Tra gli attacchi Cyber descritti dalle imprese del campione, ci sono mail fishing e tentativi di intrusione nei sistemi con pacchetti software dedicati (malware). Una quota importante degli eventi è ascrivibile ad attacchi subiti da parti terze (fornitori, servizi in outsourcing).

Con lo scoppio dell’emergenza COVID-19, molte imprese di assicurazione hanno optato per l’adozione del cosiddetto lavoro a distanza –smartworking.
Il passaggio da infrastrutture di tipo professionale (server, personal computer, antivirus) a dotazioni tecnologiche normalmente pensate per l’uso privato potrebbe aver aumentato la vulnerabilità del sistema rispetto alla minaccia Cyber, con il conseguente incremento di attacchi.

Scopri cosa ha detto la nostra docente Cyber, Laura Lucchi, in merito al COVID e allo smartworking

Noi di FIAss, dopo lettera dell'IVASS del 29 dicembre 2017 che obbliga gli Intermediari ad aggiornarsi annualmente su questo argomento, abbiamo sempre inserito trai i nostri corsi di Aggiornamento IVASS, temi riguardo il Cyber Security: non solo un obbligo verso l’Istituto, ma anche una protezione per se stessi e per la propria azienda!

Scopri i titoli OPEN 2021 sul tema Cyber (Lo sapevi che tra i nuovi titoli 2021, ci sono due corsi sull’analisi dell’impatto del Provvedimento IVASS 97 e il Regolamento IVASS 45?)

Clicca qui

Potrebbe interessarti:


Resta aggiornato con FIAss!

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai notizie dal mondo della formazione IVASS e non solo...

IVASS-qualita-ISO9001-rina

  Certificazione di qualità
   Siamo certificati ISO9001-2015

Contatti

Piazza della Rinascita, 18, 65122 Pescara PE

085 9395140

info@fiass.it

Lunedì - venerdì: 09:00-13:00 15:00-18:00

Link utili

UniFAD s.r.l. - PI./CF.: 01967470681 – C.S. €20.000,00 i.v. www.unifad.it UniFAD - Privacy Policy

Login Shop FIAss

Registrati per Acquistare Ora!
Anche con il telefono o tablet.

Registrati
 x 

Carrello vuoto